Auron

The quieter you become, the more you hear


    RECENSIONE MASS EFFECT PC

    Condividi

    Ospite
    Ospite

    RECENSIONE MASS EFFECT PC

    Messaggio  Ospite il Gio Mag 14, 2009 3:21 pm

    Sei il Comandate Shepard della nave stellare Normandy, l’ultima speranza per l’intera umanità di crearsi una vita nell’universo. Saren, un sinistro membro degli intoccabili agenti Spectre, ha scoperto il segreto per risvegliare una forza epocale che sconvolgerebbe tutta la galassia, solo tu puoi fermarlo. Fai tutto il possible per fermare Saren e salvare miliardi di vite, prevenendo il ritorno di una forza ancestrale portatrice di distruzione per tutte gli organismi della galassia.

    Caratteristiche:

    - Vivi un’avventura senza precedenti dove sarai tu il protagonista e l’ultimo difensore delle sorti dell’universo.
    - Immergiti in un vero e proprio film interattivo, scopri i migliori attori digitali che si siano mai visti in un videogioco e lasciati trasportare dalle intense emozioni generate dai rapporti tra i protagonisti.
    - Immergiti in un’incredibile nuova avventura sviluppata da Bioware. I più acclamati sviluppatori di RPG al mondo.
    - Incredibile grafica ad altissima definizione su PC.
    - Controlli e interfaccia grafica ottimizzati per la versione PC.
    - Controlla il campo di battaglia con un nuovissimo sistema di comando di squadra.

    E' bene precisare che, terminata la mastodontica installazione, il gioco che vi troverete a scoprire conserva tutte le ottime qualità già apprezzate sulla console Microsoft; le uniche differenze sono da ricercarsi in un dettaglio grafico aumentato, al prezzo di risorse di sistema non indifferenti, e negli efficaci aggiustamenti di controlli ed interfaccia. Questi ultimi si rendevano necessari per agevolare il passaggio dal gamepad al mouse, reso ostico dalla grande quantità di comandi che il gameplay di Mass Effect prevede; il motore dinamico del gioco permette infatti l'esplorazione dei pianeti che compongono la vasta galassia sia a bordo del Mako, un veicolo adatto a qualunque tipo di superficie, sia a piedi, in tempo reale e senza caricamenti. Mentre il gamepad di Xbox 360 riusciva a svolgere egregiamente entrambe le funzioni, l'accoppiata mouse/tastiera si comporta egregiamente con la camminata, ma non troppo quando si trata di guidare un veicolo su terreni spesso accidentati: per questo i comandi di guida del Mako sono stati completamente rivisti, in maniera efficace e soprattutto naturale al momento dell'utilizzo.
    Alo stesso modo è stato reinventato il sistema relativo ai minigame attivabili per hackerare computer e droidi, o scassinare cassette di sicurezza: laddove su Xbox 360 era richiesta la tempestiva pressione di una serie di tasti che comparivano a schermo, la nuova versione PC sfida il giocatore a spostare un puntatore al centro di cerchi concentrici, evitando nel contempo dei segmenti in rapido movimento: anche qui l'espediente si integra ottimamente, trovando il giusto compromesso tra adattamento e rispetto del concept originale.

    Il sistema di combattimento è stato una delle caratteristiche più chiaccherate di Mass Effect sin dal suo annuncio: esso si presenta sorprendentemente in tempo reale, ma è bene non farsi ingannare. La componente action si mescola ai capisaldi del combattimento tipico degli RPG a turni, fatto di numeri casuali, moltiplicatori e statistiche. Questo mix, già di per sé complesso quanto a bilanciamento, è stato ulteriormente arricchito con un efficace sistema di coperture ispirato a Gears of War. Tutti questi elementi danno vita a scontri dal feeling inedito, che se da una parte soffrono di un ritmo non troppo veloce, dall'altra compensano offrendo una profondità tattica di tutto rispetto.
    Mentre la versione per Xbox 360 prevedeva la temporanea messa in pausa dell'azione al momento di scegliere quali armi o abilità utilizzare, la versione PC offre un ritmo meno spezzato, affiancando a tali menu dei tasti di selezione rapida, ovviamente configurabili. Data la presenza di 2 compagni di supporto e la grandissima quantità di abilità offensive e difensive attivabili durante i combattimenti, i tasti di selezione rapida riescono a coprire solo una piccola parte delle necessità, e rendono la messa in pausa comunque necessaria, seppur meno di frequente.

    Al di là dell’ottima realizzazione tecnica, e dell’originale design, la componente più eccezionale di Mass Effect è la sua trama, degna di un kolossal di fantascienza hollywoodiano. Senza scendere troppo in particolari, essa ci porta diversi lustri nel futuro, con l’umanità a diretto contatto con una moltitudine di razze aliene; la convivenza ha richiesto la formazione di un consiglio, di leggi e strutture atte a garantire una pacifica prosperità per tutte le razze. Gli esseri umani per una volta si sono trovati a confronto con razze molto più antiche, complesse ed intelligenti, e sono stati messi via via in disparte. Nei panni del comandante della marina John Shepard il nostro compito sarà, oltre ovviamente a salvare la galassia intera da un’antica minaccia, quello di elevare il rango della razza umana, facendole meritare il giusto rispetto all’interno del calderone razziale. L’intersecarsi di tematiche come il confronto tra razze diverse, e la presunta superiorità di alcune rispetto ad altre, è mischiato con cura agli elementi più prettamente fantascientifici e tipici del cinema d’azione, risultando in un mix che alterna momenti riflessivi ad altri di puro intrattenimento, senza mai scadere nella retorica o nella banalità.
    I dialoghi a scelta multipla sono elaborati in maniera ricca e molto convincente, arrivando per la prima volta a creare nel giocatore l’illusione di compiere scelte importanti, ed ancor più importante di compierle liberamente. Interessante tra l’altro la passibilità di gestire in tempo reale la durata dei dialoghi: mentre per mandare avanti le missioni saranno spesso sufficienti poche righe di testo, l’appassionato avrà sempre la possibilità di approfondire alcune tematiche. Le conseguenze di ogni scelta operata avranno ripercussioni più o meno ingenti sull’andamento della trama, che è stata creata appositamente per presentare diverse variabili pur mantenendo punti di riferimento ed un epilogo costanti. Notevole il sistema dedicato ai rapporti sociali, che terrà conto dell’esito di vari dialoghi nonché dell’esito di certe missioni, provocando nei vostri compagni d’avventura reazioni tipicamente umane quali odio, amicizia e amore; tutto questo avverrà progressivamente nel corso dell’avventura, e capiterà di vedere gli esiti di una determinata scelta solo dopo diverse ore di gioco. Ciò si traduce in un ulteriore sostrato narrativo, che se da una parte aggiunge poco alla storia in sé, dall’altra crea una profondità senza preceedenti, in grado di coinvolgere profondamente il giocatore.

    La realizzazione tecnica della versione Xbox 360, pur non esente da difetti, si era distinta per un’ottima qualità: partendo da un design accurato e vario, che tratteggiava ambientazioni affascinanti e razze aliene inedite ed originali, gli sviluppatori erano riusciti a supportarlo con un comparto tecnico notevole, pienamente in linea con la next-gen, ed ottimizzato a dovere per girare senza problemi sulla macchina Microsoft. Il vero gioiello era rappresentato dai modelli poligonali, che presentavano una rigorosità anatomica e fisionomica per umani ed alieni, ed una richhezza di dettaglio eccezionale per ambientazioni e veicoli. Texture di ottima qualità, blur e un’ottimo comparto luci chiudevano il cerchio, garantendo un’esperienza visiva indimenticabile. L’unico grosso difetto era costituito da un’interattività degli scenari quasi nulla, che andava a vanificare quasi del tutto la presenza di un motore dedicato alla gestione della fisica, peraltro ottimo. Il porting a PC è stato realizzato con cura, anche se tanta meraviglia next-gen comporta requisiti non indifferenti: per quanto scalabile, per restituire un’esperienza visiva pari o superiore a quella di Xbox 360 il gioco richiede un sistema dual core con almeno 2 gigabyte di RAM, ed ovviamente una scheda video di ultima generazione. Tale dotazione permetterà di giocare con un frame rate superiore a quello sperimentato su Xbox 360, ed offrirà un livello di definizione ancor più elevato: l’unico trascurabile difetto sono alcuni fulminei “fermi immagine” (la cui durata non passa mai il secondo), che si verificano in occasione dell’ingresso in nuove aree. I caricamenti sono sporadici ed in generale molto rapidi: ottima l’idea, già vista nella versione console, di “mascherarne” la maggior parte con viaggi in ascensore, durante i quali potremo muovere liberamente la telecamera, ed ascoltare notiziari intergalattici.

    Multi Player
    Non presente.

    Hardware
    Requisiti minimi:
    Sistema operativo: Windows XP o Vista
    Processore: 2.4+GHZ Intel o 2.0+GHZ AMD
    Memoria: 1 Gigabyte Ram (XP) / 2 Gigabyte Ram (Vista)
    Scheda video: NVIDIA GeForce 6800GT o superiori. ATI 1300XT o superiori
    Spazio su HD: 12 Gigabyte
    Scheda audio: DirectX 9.0c compatibile

    Requisiti raccomandati:
    Sistema operativo: Windows XP o Vista
    Processore: 2.6+GHZ Intel o 2.4+GHZ AMD
    Memoria: 2 Gigabyte Ram
    Scheda video: NVIDIA GeForce 7900 GTX o superiori. ATI X1800 XL series o superiori
    Spazio su HD: 12 Gigabyte
    Scheda audio: DirectX 9.0c compatibile - Raccomandato supporto audio 5.1

    Commento Finale
    Finalmente anche i possessori di piattaforme PC possono godersi in tutto il suo splendore il capolavoro di casa Bioware, confermato come capostipite di una trilogia, che vedrà il secondo capitolo in uscita l’anno prossimo. Fortunatamente il porting è stato eseguito con una cura notevole, andando a limare tutti quegli elementi del sistema di controllo poco familiari all’utenza PC, e restituendo un’esperienza visiva se possibile ancor più appagante di quella sperimentata su Xbox 360.
    L’acquisto è dunque assolutamente obbligato: quale che sia il vostro genere preferito, Mass Effect è un titolo che non può assolutamente mancare nella vostra collezione: il plot indimenticabile, il sistema di combattimento ibrido e ottimamente bilanciato, e un comparto tecnico d’eccezione ne fanno un’esperienza che lascia il segno e che, con ogni probabilità, vi ritroverete ad affrontare più di una volta, in trepidante attesa del secondo capitolo.

      La data/ora di oggi è Lun Dic 17, 2018 8:08 pm